Ancora ti stai chiedendo se la local SEO è importante?

Geolocalizzazione su Google+
Da mesi Google sta integrando i vari servizi per indicizzare la tua azienda nei risultati della SERP (Search Engine Results Page significa “pagina dei risultati del motore di ricerca”).
Avere un buon posizionamento nella SERP significa farsi trovare su Google senza necessariamente spendere soldi con Google AdWords, significa avere dei vantaggi sui propri concorrenti, per dirla in parole povere significa avere lo’attività sulla via principale e non su quella interna… 
Un servizio molto importante che cambierà l’ordine di visualizzazione nella SERP di Google è Google Local e la geolocalizzazione.
Se andiamo alla pagina iniziale di Google Places per aziende troviamo la seguente frase: “Fatti trovare sul web. Renditi visibile nella Ricerca Google, su Maps, su Google+ e sui dispositivi mobili
Leggendo on line si trovano tanti consigli su come posizionarsi sui motori di ricerca. Noi partiamo dalla base e cioè semplicemente facciamo ciò che ci indica Google e sicuramente non sbagliamo.
Sempre nella Home di Google Places troviamo scritto: “Fornisci ai clienti informazioni precise sulla tua attività, aggiornando i dati di contatto, gli orari di apertura e altro ancora”

Cosa fare? 

La risposta è: “utilizziamo Google+ con le pagine locali”!

Quando apriamo una pagina su Google+ occorre scegliere l’opzione scheda local anziché una scheda normale. Una pagina local offre più risorse per la nostra campagna di search marketing locale, viene meglio indicizzata nelle SERP e non per ultimo ci da la possibilità di gestire campagne di geomarketing sociale grazie all’utilizzo delle cerchie.

In questo modo coloro che fanno una ricerca locale su google accederanno alla nostra pagina local su Google+, potranno vedere i commenti degli utenti, i nostri indirizzi, la mappa e i nostri contatti. Potranno interagire con noi in tempo reale e promuovere la nostra attività.

Come fare

La prima cosa da fare è completare il profilo e la pagina local inserendo tutti i dati. Inoltre occorre anche collegare la pagina al proprio sito web e verificare che le informazioni coincidano. Non c’è nulla di peggio che collegare pagina local e sito e dare informazioni discordanti. In particolare occorre fare attenzione a scrivere con precisione l’indirizzo, il numero di telefono, la mail di contatto, le foto e gli orari di apertura e chiusura.

Come seconda cosa occorre verificare la proprietà del profilo, difatti Google fornisce ai clienti solo dati certificati. Google verifica i dati in due modi, o tramite telefonata in azienda o tramite invio di una cartolina.

Infine occorre incoraggiare gli utenti a lasciare delle recensioni sulla propria pagina e a fare +1. Non dimentichiamoci che anche le recensioni delle pagine sono indicizzate sul motore di ricerca Google e quinsi, soprattutto quelle positive, sono fondamentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *