Il grande dono dell’intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva è autoconsapevolezza e empatia. E’ strattamente legata alla nostra capacità di relazionarci nel sociale, di saper comunicare, di avere più sensibilità verso gli altri. 
Chi ha una sviluppata intelligenza emotiva riesce a capire subito quando è il momento di parlare o stare zitto, accetta il confronto e percepiesce le differenza apprezzandone i vantaggi. Riesce a percepire l’emotività delle altre persone, a darne un significato e a condividrla con la propria.
E’ un dono molto importante, i grandi leader, i grandi comunicatori, possiedono questa dote. Chi ha basato la vita sull’intelligenza mentale fa fatica a accettare questo dato di fatto, anche noi sin da piccoli veniamo ritenuti idonei o meno dalla scuola se dimostriamo di avere intelligenza mentale o meno. Però chi detiene poi il vero potere sono coloro che sviluppano l’intelligenza emotiva perché essa, a lungo andare, rappresenta un vantaggio in termini assoluti.

Questo spiega anche perché gli uomini più potenti al mondo a scuola non avevano ottimi voti o non sono laureati. L’intelligenza emotiva è una guida indispensabile per la nostra parte razionale. Emozione e ragione sono un connubio perfetto. Nel mio e-book “Aikido Mentale” spiego bene questo connubio, se vuoi approfondire puoi trovare il tutto nel primo capitolo (puoi scaricare gratuitamente il primo capitolo facendo click qui).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *